Dj Deaf racconta la sua storia, il primo incontro con la musica – SEGUI


Oggi intervistiamo Marco Piedimonte aka DJ DEAF, BEST DJ TECHNO 2019 e assoluto “re delle notti musicali”. Ci ha raccontato la sua storia, il primo incontro con la musica, le sue passioni, i progetti per il futuro. Ecco come ha risposto alle nostre domande.

 

Come è iniziata la tua passione per la musica?

Circa trent’anni fa, un amico mi chiamò per farmi vedere cosa gli avessero regalato i genitori. Fu lì che vidi per la prima volta un technics 1200. Avevo già una vaga idea di cosa fosse un disk jokey, avendo assistito a diverse serate house in uno dei club più conosciuti della mia città partenopea, il kiss-kiss. Ma una notte, agli inizi degli anni 90,  mi trovai al “ciao club”, una delle prime serate progressive a Napoli e vidi suonare davvero, per la prima volta, un dj che proponeva un sound assurdo del tutto innovativo. Fu allora che mi accorsi che qualcosa era cambiato: il modo di passare la musica non era quello di sempre. Ricordo che in consolle c’era Billy Nasty. Quella notte capii cosa avrei voluto fare nella vita. E fu una esperienza indimenticabile.

 

Come definiresti il tuo genere?

Mi definisco un artista decisamente Techno, ma il mio set esprime una ritmica decisa mixata a linee di bassi e sinth molto calorosi. Quindi oserei dire un po’ meno hard. Inoltre sono stato tra i primi a sviluppare set molto minimal. Ma questo particolare dipende dalle circostanze.

 

Quali sono i locali che preferisci?

Amo l’Arenile di Bagnoli e il Duel a Napoli; adoro il DC 10.”

 

Quali sono le tue fonti di ispirazione?

Traggo ispirazioni dalle nuove generazioni perché sono loro che erediteranno tutta la nostra cultura elettronica. E ovviamente dalle persone importanti della mia vita. Sono linfa vitale per me.

 

Quali sono, secondo te, i posti più cool del momento?

I posti più cool sono dettati anche dalle organizzazioni che vi lavorano, comunque ti dico il “Common Ground”. Lo trovo un bel locale e luogo di importanti incontri.

 

Dove ti piacerebbe esibirti?

Ho scoperto da poco il Joia, in provincia di Napoli. Bel club da buttare giù!!!