Marco Corvino si racconta: la sua storia, i club preferiti, le ispirazioni e le aspirazioni del Best Dj Old School


Oggi intervistiamo Marco Corvino, vincitore del Premio Facenight nel 2014, come Best Dj Old School tra i più amati della nostra Regione. Ecco come ha risposto alle nostre domande.

Com’è iniziata la tua passione per la musica?

Ciao Tommy, grazie per avermi invitato in questa bella rubrica. Ho iniziato ad amare questo mondo grazie ad un mio cugino che negli anni ’80 lavorava come fonico in una piccola radio locale. Durante la pausa scolastica, io frequentavo questi piccoli studi radiofonici e quindi li è nato l’amore per questo mondo.
Sono sempre stato di indole curioso e questo mio essere così mi ha portato a cercare stimoli, collaborazioni e quindi amicizie nel mondo della musica. Poi la parentesi di 10 lunghi ,bellissimi ed intensissimi anni con Angels Of Love mi ha dato la possibilità di crescere e maturare sotto il profilo umano e professionale.

 

Come definiresti il tuo genere?

Mah, oggi definire il genere musicale è davvero difficile, anche perché facendo questo lavoro da un pò di anni ho avuto tantissime influenze musicali, dal Funky, al Soul, per poi passare all’House, Tribal, Deep Hose, Tech House. Tecno. Quindi non saprei oggi definire il mio genere musicale.

 

Quali sono i tuoi club preferiti?

I miei club preferiti sono quelli dove ci si riesce ad avere un contatto emotivo con le persone che vivono quel posto, dove la gente si reca per ascoltare musica consapevole di doverne ascoltare un certo tipo, dove c’è un buon impianto audio, dove le persone si divertono senza stare troppo sul proprio cellulare a smanettare senza vivere davvero il momento della serata.

 

Quali sono le tue fonti d’ispirazione?

Io cerco sempre ispirazioni intorno a me, la mia famiglia, i miei amici, nei luoghi dove lavoro, per strada…
Ho la fortuna di essere nato e a vivere in una città come Napoli che per me è un continuo cercare stimoli ed ispirazioni, basta affacciarsi al balcone, fare un giro al centro storico oppure sul lungomare e farsi trasportare dalle emozioni che per forza di cose avrai vivendo questi luoghi.

A cosa stai lavorando in questo periodo?

In questo periodo sto lavorando tantissimo in studio. Dopo un lungo periodo di produzioni con un mio pseudonimo “CORVINO TRAXX”, ho deciso farmi conoscere come MARCO CORVINO.  Sono in uscita in questi mesi un bel pò di progetti, tra Mix e remix fatti da me.
Ho voluto fare questo nuovo percorso con il mio vero nome cosi da poter un pò diversificare nel tipo di sound che propongo sia come produzioni musicali, ma soprattutto nel Club. 

 

I posti più cool del momento, secondo te?

Io credo che ogni posto dove si è stati abbia una magia particolare e assoluta. Ho la fortuna di aver visto e continuare a vedere luoghi bellissimi, club altrettanto favolosi ed interessanti un pò in giro nel mondo, in Italia, in Europa, in USA, in CINA, Australia, ma come ti dicevo ogni posto è bello perchè ricevo ispirazioni diverse, ma sempre fortissime. 

 

Dove ti piacerebbe esibirti?

Questa è una bella domanda, in questi ultimi anni ho iniziato a pensare a cosa davvero potrebbe farmi piacere, sto lavorando e cercando di portare a Napoli qualcosa di veramente unico e mai fatto in città ( con tutte le problematiche del caso). Ovviamente non da solo, ma con l’aiuto di grandi imprenditori Campani. Spero a breve riusciremo a fare questa bella iniziativa gratuita per Napoli e per i napoletani, con l’intento di creare un evento che il mondo ci invidia. Sono consapevole che visto da fuori sembra un sogno, ma io sogno e ai sogni ci credo!

 

Autore: Tommy Totaro